Cerca
Close this search box.
Come fare vacanze sostenibili a Chios

Come fare vacanze sostenibili a Chios

Per chi vuole scoprire la Grecia meno commerciale e meno affollata, Chios offre molte opportunità per una vacanza originale e un’immersione nella natura. Anche se non si trovano tanti alloggi di stampo “green” sull’isola, ci sono modi per sostenere l’ambiente e l’economia locale rispettando la comunità ospitante.

Scegliendo un tour di Chios Hiking per vedere parte dell'isola invece che un tour in macchina

Vuoi seguire le orme di Omero? Hai sentito parlare di Drimaco, del rivoluzionario della mitologia greca? Sull’isola di Chios c’è un vasto altopiano calcareo con vegetazione prevalentemente friganica (come per esempio è il timo, la salvia, ecc.), che è rimasto intatto nel tempo ed ha una ricca storia di miti, leggende, tradizioni e innumerevoli monumenti in pietra di età indeterminata. Questo è l’altopiano di Aipos, che, pur trovandosi a pochi chilometri dalla città di Chios, rimane sconosciuto anche alla gente del posto, conservando così la sua autenticità per chi vuole scoprirla camminando.

Ad Aipos (che si legge Epos) si può percorrere il “Sentiero di Omero“, fare hiking tra le rovine degli antichi insediamenti, ma anche assistere ai lavori agricoli tradizionali.

Certo, l’ altopiano di Aipos non fa per tutti (Aipos comunque significa aspro, duro e precipitoso secondo il vocabolario Omerico). È per coloro che cercano l’autenticità, rispettano i monumenti dello sforzo umano e sono disposti a “perdersi” per scoprirne i suoi segreti nascosti. Al loro lato c’è il Chios Hiking che, a parte Aipos, propone una decina di destinazioni per fare escursionismo e conoscere la natura di Chios.

Adottando a distanza un albero della mastica attraverso "Adopt Chios Trees"

Se vuoi fare un regalo alternativo sostenendo l’economia e l’ambiente locale, puoi adottare un lentisco (scientificamente chiamato Pistacia Lentiscus), l’albero che prospera in tutto il Mediterraneo ma produce il famoso mastice solo a Chios, e più precisamente nella parte meridionale dell’isola. Attraverso il progetto “Adopt Chios Trees” di una disegnatrice di architettura di Chios, si può adottare un albero “che lacrima”, come è noto l’albero della mastica di Chios, e ricevere insieme al Certificato di Adozione, 50gr di mastica naturale e una fotografia del tuo albero con un cartello appositamente disegnato per te. Ma la cosa più importante è che puoi visitare il tuo albero e sperimentare il ciclo della coltivazione del mastice.

Sostenendo l’organizzazione locale Omikron che protegge le foreste

A Chios ogni estate c’è il rischio di incendi boschivi che negli ultimi anni hanno devastato migliaia di ettari di bosco in tutta la Grecia. Sostenendo le organizzazioni senza fine di lucro come per esempio la squadra dei volontari di Omikron che si occupa della protezione delle foreste dagli incendi, puoi fare “carbon offsetting”, compensando le emissioni di CO2 del tuo viaggio e contribuendo alla riduzione del cambiamento climatico. La squadra di Omikron partecipa alla pianificazione e la protezione antincendio per tutta la stagione degli incendi. Nel periodo invernale, si occupa della piantumazione degli alberi, la gestione e la pulizia delle aree forestali. Inoltre organizza programmi di informazione e sensibilizzazione sul tema della protezione delle foreste.

Scegliendo destinazioni meno turistiche come le terme di Agiasmata

Le terme di Agiasmata si trovano nel punto più settentrionale dell’isola di Chios, ad una distanza di circa 55 chilometri dalla città. L’acqua termale sgorga ad una temperatura di 57,5 gradi e contribuisce alla cura di malattie, come reumatismi, malattie del sistema nervoso, malattie ginecologiche, lesioni – distorsioni – contusioni, tendiniti, ecc. Il nome Agiasmata si riferisce alle acque minerali del posto che, per le loro proprietà curative, si consideravano miracolose e sante dagli abitanti della zona nell’antichità.

Se si arriva ad Agiasmata vale la pena fare una sosta anche ad Ariousios, un’azienda vinicola con una splendida vista sul mare dove si possono degustare i vini che vengono esportati in tutto il mondo. Ariousios è un vino prodotto nell’area di Amani che durante l’antichità era molto conosciuto nel mondo. Poi la sua produzione è stata abbandonata per molti secoli fino al 2004, quando un gruppo di persone dei paesi circostanti l’ha riportata in vita con la costituzione dell’omonima azienda agrituristica.

Se vuoi sapere cosa altro si può vedere a Chios leggi qui.

Comprando artigianato ed altri prodotti locali

A Chios si possono comprare le ceramiche di Armolia direttamente dalle botteghe dei ceramisti lungo la strada principale che unisce la città di Chios con i villaggi di Mastichochoria. Il villaggio di Armolia si trova a 20 km dal capoluogo su una pianura fertile. La gente del posto conserva una lunga tradizione nella lavorazione della ceramica, una delle arti decorative più antiche e diffuse, costituita da oggetti realizzati in argilla cotta.

A parte le ceramiche, a Chios si possono comprare anche i prodotti alla mastica come vari liquori, dolci, il dentifricio, ecc., i dolci tradizionali al cucchiaio, l’ ouzo (il liquore tradizionale greco all’anice), i dolci tipici dell’isola come massurakia e rodinia, ecc.

Visitando l’isola fuori stagione e non lasciando tracce della tua visita

Se hai la possibilità di andare in vacanza quando vuoi, evita il ferragosto ma anche i mesi di Luglio e di Agosto in generale. Anche se Chios non è tra le isole più turistiche della Grecia, durante questi due mesi si riempie di gente. Per evitare quindi le spiagge affollate e i ristoranti pieni di gente ma anche per sostenere l’economia locale, è meglio che decidi con anticipo dove dormire a Chios e programmi le tue vacanze fuori stagione.

Qualunque sia la stagione in cui vai, cerca almeno di non lasciare le tue tracce. È importare ricordarsi di non lasciare niente di tuo sulla spiaggia, di usare creme solari naturali e in generale di salvaguardare le risorse naturali dell’isola. Così anche i tuoi bambini potranno godere il mare stupendo di Chios.

Aspasia Kakari

Aspasia Kakari

Mi chiamo Aspasia e sono Greca. Sono nata in un’isola ma ho vissuto in diversi paesi del mondo. Amo viaggiare per il piacere di viaggiare. Per conoscere culture diverse, imparare nuove cose, vedere il mondo in un modo differente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *