Cerca
Close this search box.
Cosa fare a Malta

Cosa fare a Malta: 10 esperienze da non perdere

1. Vedere il panorama dagli Upper Barraka Gardens

La vista sul Porto Grande e le navi che entrano e escono
La vista sul Porto Grande e le navi che entrano e escono

La suggestiva capitale di Malta, tutta patrimonio mondiale dell’UNESCO, è una bellissima cittadella del XVI secolo costruita dai Cavalieri di San Giovanni. Grazie alle sue dimensioni ridotte, di meno di un chilometro quadrato, La Valletta è perfetta per essere esplorata a piedi.

La parte più elevata è rappresentata dagli Upper Barrakka Gardens, un giardino pubblico situato sul livello superiore del Bastione dei Santi Pietro e Paolo, costruito nella seconda metà del XVI secolo.

Sebbene i giardini stessi possano non essere eccezionali, la posizione è davvero unica, offrendo una vista spettacolare sul Porto Grande, sulle Tre Città e sulle parti basse della capitale.

Assicurati di includere nell’esplorazione anche l’ascensore di Barrakka, che collega la città al Porto Grande. Si tratta di un ascensore situato all’interno del fossato delle fortificazioni di La Valletta, che collega il molo Lascaris a St. Bastione di Pietro e Paolo e ai Giardini di Barrakka.

2. Visitare la concattedrale di San Giovanni

La impressionante concattedrale di San Giovanni a La Valletta
La impressionante concattedrale di San Giovanni a La Valletta

A Malta (e Gozo) ci sono ben 359 chiese. Ma ce n’è una che va assolutamente vista: la Concattedrale di San Giovanni Battista. Si definisce concattedrale semplicemente perché è cattedrale insieme ad altre chiese della stessa diocesi.

In questo caso, ci sono tre altre cattedrali: la Cattedrale di San Paolo a Mdina, la Pro-cattedrale di San Paolo a La Valletta e la Cattedrale dell’Assunzione a Victoria, Gozo.

La Concattedrale di San Giovanni di Malta è una delle più grandi cattedrali al mondo e fa parte dei siti dell’UNESCO come tutta La Valletta. Si tratta di un gioiello di architettura barocca, arricchito dai dipinti di Caravaggio e dalle opere di Mattia Preti.

La particolarità principale della concattedrale è la sua straordinaria ricchezza artistica e decorativa. L’interno è decorato con opere d’arte eccezionali, tra cui dipinti, sculture e decorazioni in oro. Il soffitto è adornato da affreschi magnifici che raffigurano scene bibliche e motivi ornamentali.

Ogni cappella all’interno è dedicata a una lingua dell’Ordine di Malta, con la Cappella del Langue d’Auvergne particolarmente nota per la sua bellezza e dettaglio. Inoltre, nella cattedrale si trova anche la tomba del fondatore di La Valletta, Jean de Valette.

3. Esplorare la città murata di Mdina

I tetti della vecchia capitale di Malta, con vista sulla cattedrale di Mdina.
I tetti della vecchia capitale di Malta, con vista sulla cattedrale di Mdina.

La vecchia capitale di Malta, famosa per la sua architettura medievale, le stradine tortuose, le piazze pittoresche e le antiche mura cittadine, è conosciuta anche come la “Città Silenziosa” a causa del suo ambiente tranquillo e della limitata circolazione di veicoli a motore.

Mdina è stata utilizzata come location per vari film e serie, tra cui “Il Gladiatore” di Ridley Scott, “La Passione di Cristo” diretto da Mel Gibson e “Game of Thrones“. La città è stata la location di King’s Landing, la capitale dei Sette Regni, nella prima stagione della serie.

Abitata fin dal 700 a.C., Mdina si trova al centro dell’isola ed è una città fortificata medievale dove vivono ancora i discendenti dei nobili delle famiglie normanne, siciliane e spagnole. Nel centro della città si erge la Cattedrale di San Paolo, capolavoro dell’architetto maltese Lorenzo Gaffa. 

Oltre al Museo Nazionale di Storia Naturale, alla Chiesa di San Paolo e alle Porte della Città, la bellissima Mdina è ricca di caffè e ristoranti ospitati in antichi palazzi con piccoli cortili che vanno assolutamente esplorati.

4. Mangiare il pesce nel villaggio di Marsaxlokk

Il mercato nel villaggio di Marsaxlokk
Il mercato nel villaggio di Marsaxlokk

Baciato dal sole, il tradizionale villaggio di Marsaxlokk sembra un’opera d’arte che trasmette una tranquillità di altre epoche. Pieno di colori, aromi e suoni, questo villaggio di pescatori, distante 11 chilometri da La Valletta, si trova nella parte sud-orientale dell’isola di Malta ed è uno dei suoi villaggi più belli, noto per le barche tradizionali chiamate luzzu.

Marsaxlokk, il cui nome deriva dalla parola araba “marsa”, che significa porto, e dalla parola maltese “xlokk”, che significa sud-est, è una località ideale per passeggiate tranquille e cene di pesce con vista sul mare.

Per gustare il pesce fresco, prova a prenotare un tavolo al ristorante Tartarun, che vanta di essere uno dei migliori ristoranti di pesce di Malta, o al ristorante Ta’ Victor, situato nella Piazza Madonna Ta’ Pompei, specializzato in cucina tradizionale maltese a base di pesce.

Oltre al pesce, Marsaxlokk vanta persino delle rovine risalenti all’epoca romana. È un porto con una lunga storia, essendo stato utilizzato sin dai tempi dei Fenici e dei Cartaginesi. Ma forse la ragione più comune per visitarlo è il suo mercato all’aperto che si tiene ogni domenica.

Al mercato di Marsaxlokk troverai non solo prodotti alimentari freschi come ovviamente il pesce, ma anche artigianato locale in un’atmosfera molto speciale che attira tanta gente tra turisti e locali.

Il villaggio di Marsaxlokk è tra le località migliori dove dormire a Malta.

5. Scoprire l’isola di Gozo

La capitale dell'isola di Gozo, Vittoria
La capitale dell'isola di Gozo, Vittoria

Gozo è la seconda isola più grande dell’arcipelago di Malta, ma è un piccolo gioiello di soli 67 chilometri quadrati che merita sicuramente di essere esplorato. Situata a 4 chilometri a nord-ovest di Malta, Gozo offre una serie di luoghi affascinanti e bellezze naturali.

L’isola è rinomata per il suo ritmo tranquillo, rendendola un luogo ideale per trascorrere le vacanze estive o visitarla in qualsiasi momento dell’anno per esplorare i suoi siti interessanti e assaporare la sua cucina unica.

Gozo ospita la grotta leggendaria in cui si dice che Calipso tenne Ulisse prigioniero per sette anni. Questa grotta, situata nella baia di Ramla, caratterizzata da una spiaggia con sabbia rossa e acque cristalline, ha conferito alle isole di Malta il soprannome di “isole di Calipso”.

Oltre a queste leggende, Gozo è famosa per i suoi templi megalitici di Ggantija, risalenti al periodo neolitico e riconosciuti come sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Nei pressi del porto di Mgarr, troverai la chiesa del villaggio di Xewkija, nota per possedere la terza cupola più grande al mondo. Xewkija è il più antico villaggio dell’isola e merita una visita rilassante.

Tuttavia, il cuore pulsante di Gozo è la sua capitale, Victoria, anche conosciuta come Rabat di Gozo. Questa località, abitata fin dall’epoca neolitica, è ricca di siti di rilevanza architettonica e religiosa. La Cittadella, un’imponente fortezza medievale all’interno delle mura, offre una vista panoramica straordinaria sull’isola.

Nel centro della Cittadella, troverai la magnifica cattedrale barocca del XVII secolo, progettata da Lorenzo Gafà, l’architetto maltese noto anche per la Cattedrale di Mdina. All’esterno delle mura della Cittadella, sorge un monumento commemorativo dedicato agli abitanti di Gozo fatti prigionieri dagli Ottomani durante l’assedio del 1551.

Per un’esperienza di shopping autentica, visita il villaggio artigianale di Ta’ Dbiegi, dove puoi acquistare prodotti locali unici. Se sei interessato a scoprire cosa comprare a Malta, dai un’occhiata ai souvenir più significativi da portare a casa.

6. Salire su una dghasjsa per Tre Città

Birgu, Tre Città
Birgu, Tre Città

Le Tre Città, ossia Vittoriosa, Senglea e Cospicua, sono la culla della storia maltese, avendo offerto rifugio a quasi tutte le civiltà che si sono insediate sulle isole nel corso dei secoli.

Affacciato sul magnifico Grand Harbour di Malta, il loro porto unico ha una storia che risale ai tempi dei Fenici ed è considerato uno dei porti naturali più belli del Mediterraneo.

Essendo la prima dimora dei Cavalieri di San Giovanni, gli edifici nelle Tre Città, tra cui palazzi, chiese, fortezze e bastioni, sono molto più antichi rispetto a quelli di La Valletta. Una visita ti trasporterà indietro nel tempo.

Inoltre, Vittoriosa, conosciuta anche come Birgu, Senglea, nota anche come L-isla, e Cospicua, conosciuta anche come Bormla, sono celebri per le loro festività, durante le quali commemorano i giorni santi in maniera unica tra le isole maltesi.

Anche se non visiti l’isola durante le festività, non perdere l’opportunità di salire su una dghajsa, una sorta di tradizionale gondola maltese, per raggiungere le Tre Città da La Valletta. Qui, potrai esplorare il Museo Marittimo di Malta e il Forte St. Angelo che ti offriranno uno sguardo sulla storia marittima dell’isola.

Per un’esperienza autentica, potresti passeggiare tra le stradine delle Tre Città, immergendoti nella vita quotidiana dell’isola, assaporando la cucina locale in uno dei ristoranti lungo il mare e godendo di viste eccezionali.

7. Fare una passeggiata tra Sliema e St Julian’s

La Chiesa di Nostra Signora del Monte Carmelo sul lungomare della baia di Ballutta
La Chiesa di Nostra Signora del Monte Carmelo sul lungomare della baia di Ballutta

Un’ altra parte di Malta che va esplorata è il lungomare che si estende tra Sliema e St. Julian’s, una passeggiata pedonale continua di 7 chilometri che vanta il primato come la più lunga d’Europa.

Sliema, una delle città più grandi dell’isola, offre una belissima vista panoramica sul porto de La Valletta. In contrasto, San Giuliano (o San Ġiljan in maltese) è una città a nord di Sliema, famosa soprattutto per la sua vivace vita notturna.

Posizionata tra due incantevoli baie, la Baia di Balluta e la Baia di Spinola, questa località, un tempo un pittoresco villaggio di pescatori, è stata trasformata in una lussuosa destinazione turistica.

San Giuliano è anche un ottimo luogo per fare il bagno, con la presenza della spiaggia di St. George’s Bay, insignita della Bandiera Blu, situata all’estremità nord della città, e la Baia di Balluta, anch’essa con una spiaggia Bandiera Blu e aree apposite per nuotare e prendere il sole.

Inoltre, la zona costiera di Sliema, specialmente nella zona di Exiles, è incantevole sia di giorno che di notte, offrendo l’opportunità di fare il bagno.

Nel tratto di lungomare tra Sliema e St. Julian’s, nella baia di Balluta, spicca la Chiesa di Nostra Signora del Monte Carmelo, un imponente edificio neogotico. Lungo l’intero lungomare, troverai ristoranti e caffè dove potrai rilassarti durante il giorno o divertirti la sera. In ogni momento, vale la pena esplorare questa affascinante parte costiera di Malta.

8. Unirsi a un tour in barca per l’isola di Comino

Viaggiando verso l'isola di Comino
Viaggiando verso l'isola di Comino

Comino è un gioiello dell’arcipelago maltese situato a nord di Malta, praticamente tra Malta e Gozo. Si tratta di un’isola molto piccola, quasi inabitata, con una superficie inferiore a 3,5 chilometri quadrati.

Una delle principali attrazioni di Comino è la Laguna Blu, famosa per le sue acque cristalline dal colore turchese, simili a quelle delle Maldive. La Laguna Blu è una delle aree marine più iconiche e fotogeniche di Malta, ideale per praticare snorkeling, nuotare o rilassarsi su una barca. Tieni presente che in estate potrebbe essere affollata di turisti.

Comino offre anche una serie di sentieri che permettono di esplorare l’isola a piedi, regalando panorami mozzafiato sulla costa e sul mare circostante. Inoltre, c’è anche Cominotto, un isolotto ancora più piccolo e disabitato che può essere raggiunto a nuoto da Comino.

Per raggiungere Comino, è possibile prendere una delle numerose barche che partono da diverse località di Malta. Tuttavia, il modo più conveniente è prendere il traghetto da Cirkewwa, nel nord di Malta, che collega regolarmente Malta a Comino e Gozo. Il viaggio dura solo una ventina di minuti, ed è abbastanza frequente durante i mesi estivi, consentendo una visita breve.

In alternativa, potresti considerare l’opzione di partecipare a un tour che includa Comino o sia dedicato a Comino e Gozo, partendo da Sliema o anche altre località dell’isola. Questi tour solitamente durano mezza o intera giornata.

9. Compare prodotti locali al mercato del villaggio Ta’ Qali

Sottopentole a piastrelle di Malta
Sottopentole a piastrelle di Malta

Ta’ Qali è un ampio spazio aperto nel centro di Malta, dove puoi trovare lo Stadio Nazionale, il Parco Nazionale, un mercato ortofrutticolo e il Villaggio dell’Artigianato. Quest’ultimo è in realtà ubicato in un vecchio aeroporto trasformato in laboratori artigianali e negozi di vendita di prodotti artigianali.

Posizionato nella periferia di Attard, a pochi chilometri da Mdina e Rabat, Ta’ Qali è un luogo eccezionale per osservare gli artigiani locali mentre soffiano e modellano il vetro, creano filigrane d’oro, realizzano gioielli di filigrana e producono pregiati merletti all’uncinetto.

Il villaggio degli artigiani offre souvenir di alta qualità che possono essere un perfetto ricordo del tuo viaggio o un regalo per amici e familiari. Oltre ai gioielli in filigrana, al vetro soffiato e al pizzo maltese, è possibile trovare tessuti intrecciati a mano, ceramiche, sculture e oggetti in cera.

Nei dintorni del villaggio degli artigiani, ci sono anche caffè dove puoi riposarti dopo una sessione di shopping. Se sei alla ricerca di idee per souvenir da portare a casa come ricordo del tuo viaggio, esplora cosa comprare a Malta.

10.Visitare il Museo di Belle Arti di Malta (MUZA)

Il Museo Nazionale delle Belle Arti, presso il palazzo di Admiralty House a La Valletta
Il Museo Nazionale delle Belle Arti, presso il palazzo di Admiralty House a La Valletta

Il Museo delle Belle Arti MUZA, situato nell’edificio storico de L’Auberge d’Italie (Berġa tal-Italja in maltese) a La Valletta, ospita una collezione di opere d’arte realizzate da artisti maltesi e internazionali. Questa preziosa raccolta è suddivisa in quattro narrazioni principali, ognuna delle quali offre una prospettiva unica sulla storia del paese.

La narrazione Mediterranea presenta idee e tendenze artistiche che hanno influenzato l’isola di Malta attraverso il Mediterraneo. La narrazione Europea copre il periodo dal XVI al XVIII secolo, durante il quale Malta ereditò la tradizione barocca.

La narrazione dell’Impero si concentra sugli anni 1800, quando Malta divenne parte dell’Impero britannico come colonia cattolica nel Mediterraneo. Infine, la trama dell’Artista esplora il lavoro e le sfide affrontate dagli artisti maltesi, mettendo in evidenza in particolare la loro influenza italiana.

Oltre al valore artistico della sua collezione, il museo MUZA è affascinante anche perché è ospitato in un edificio costruito in diverse fasi alla fine del XVI secolo per accogliere i cavalieri dell’Ordine di San Giovanni di lingua italiana.

Se vuoi scoprire come visitare tutti questi siti a Malta in 3 giorni, consulta l’itinerario completo per esplorare le principali isole del più piccolo paese dell’UE.

* In questo post potrebbero esserci link di affiliazione a Booking o altri siti. Ciò non cambia nulla per te, ma per me significa molto in quanto mi offre la possibilità di mantenere vivo questo blog.

Picture of Aspasia Kakari

Aspasia Kakari

Mi chiamo Aspasia e sono Greca. Sono nata in un’isola ma ho vissuto in diversi paesi del mondo. Amo viaggiare per il piacere di viaggiare. Per conoscere culture diverse, imparare nuove cose, vedere il mondo in un modo differente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *